Floriterapia

Categoria principale: Tecniche Creato: Mercoledì, 26 Maggio 2010

fiori_bach_naturopatiaIl metodo ideato da Edward Bach, viene chiamato floriterapia. Si tratta di un procedimento che utilizza essenze di fiori, soprattutto selvatici, raccolti in zone incontaminate e nel momento di massima fioritura, quando il loro potenziale energetico raggiunge il culmine. La floriterapia è una cura naturale che mira a restituire armonia al corpo e alla psiche del paziente. Il presupposto è che all'interno di ogni essere umano anche se malato, ci siano, le energie necessarie e sufficienti per ottenere una completa guarigione; si tratta solo di sbloccarle, in modo che queste energie siano libere di agire dall'interno. Ogni persona possiede naturalmente le caratteristiche di ogni fiore, e attraversa nel corso del suo sviluppo, fasi evolutive, che negli aspetti positivi come in quelli negativi, si riconoscono nei singoli fiori e nelle complesse relazioni che li legano l’uno all’altro.
I fiori sono portatori di una frequenza vibrazionale capace di riaccordare la struttura energetica presente in ogni organismo vivente, sia esso animale o vegetale.


Le essenze identificate da Bach sono 38, più un rimedio di pronto soccorso il Rescue Remedy, formato dalla combinazione di cinque fiori e normalmente considerato come il trentanovesimo rimedio. Ogni essenza corrisponde a uno stato psicologico sono potenzialmente in grado di alterare il nostro equilibrio e produrre quindi la "malattia".
fiori_di_bach_naturopatiaLe essenze vengono ottenute mediante due diversi procedimenti, entrambi del tutto naturali. Il dr. Bach ha utilizzato due sistemi fondamentali per la preparazione dei suoi rimedi floreali.

- il metodo dell'infusione solare

- il metodo della decozione


Il metodo dell'infusione solare è stato usato per i fiori provenienti dalle piccole piantine dei prati. Una volta individuate le piante da cui asportare i fiori, Bach attendeva il momento in cui le corolle si aprivano ai raggi solari deponendo questi doni della Natura in una bacinella di vetro riempita di pura acqua sorgiva ove venivano fatti galleggiare al sole per circa  quattro ore. Dopo questa infusione solare venivano tolti i fiori dall'acqua. Il liquido così impregnato di vibrazioni era poi filtrato e versato in bottigliette (stock bottles)aggiungendo una pari quantità di brandy come conservante.  Nel secondo procedimento la tecnica usata è quella della decozione o bollitura dove Bach utilizzava i fiori provenienti dagli alberi . Questo metodo prevede, invece, una cottura dei fiori raccolti sui loro rametti per almeno 30 minuti in acqua pura di sorgiva che poi veniva filtrata e il liquidi ottenuto veniva anchesso conservato con il brandy.Le essenze pure vengono imbottigliate in flaconi da 10 ml, gli stessi che si trovano in commercio sotto il nome di 'tintura madre".

I trentotto rimedi possono essere combinati tra loro a seconda delle necessità individuali. Generalmente si consiglia di non utilizzare più di sei essenze insieme, così da poter valutare con chiarezza il loro effetto ed eventualmente operare successivi aggiustamenti. A questo proposito Bach sosteneva che l'unico modo per guarire davvero è quello di scoprire l'errore dentro di noi. Per fare ciò consigliava di fermarsi in raccoglimento su se stessi per almeno qualche minuto ogni giorno, per fare chiarezza sul proprio stato emotivo, sui propri desideri e frustrazioni; per capire quello che davvero non va nella nostra vita.
Nel suo libro “Guarisci te stesso”, Edward Bach sottolinea come la malattia, così come la conosciamo, non sia altro che l'aspetto superficiale di un malessere profondo. All'origine dei disturbi fisici, secondo la teoria di Bach, ci sarebbe una disarmonia tra anima e mente. In quest'ottica l'unico modo per guarire davvero è mettere a nudo tale squilibrio e rigenerare se stessi dall'interno. E' secondo questo principio che agiscono i fiori di Bach.

Edward Bach
Classificazione Fiori Bach
I 38 Fiori di Bach

Visite: 5621

Aggiungi commento